Predaia: SIMPOSIO DI SCULTURA 2020

Sono aperte le iscrizioni al Simposio internazionale di scultura su legno nell’ambito del progetto “Predaia Arte e Natura” edizione 2020, evento a cura di A.S.U.C. di Coredo ed al Comune di Predaia, sotto la direzione artistica dello studio Marte di Gianni Mascotti artista scultore di Coredo. Il tema scelto per l’edizione 2020 del Simposio sarà: “La Natura che vorrei”.

Al simposio possono partecipare scultori provenienti da tutto il mondo. Il simposio si svolgerà dal 2 all’8 agosto 2020, all’aperto, nella frazione Coredo del Comune di Predaia, presso la località “Due Laghi”, collegata all’abitato da una suggestiva passeggiata di 15 minuti denominata “il Viale dei Sogni”. Il proposito è realizzare un itinerario unico nel suo genere in grado di proporre ai visitatori l’incontro tra cultura, natura e arte in un contesto paesaggistico di eccezionale bellezza.
Al termine della manifestazione le opere saranno distribuite nel bosco, lungo il sentiero, in riva al lago, valorizzate su delle alzate in acciaio Corten. Il percorso, completamente accessibile anche a disabili accompagnati, offrirà la possibilità di apprezzare le opere, che dialogheranno tra loro e con i visitatori attraverso il linguaggio dell’arte.

Il bando scade il 28 febbraio 2020.




Sezione 1: Scultura su tronco:
Esecuzione di una scultura in formato verticale da un tronco di larice di circa 2 metri di altezza e con un diametro che varia dai 45 ai 50 centimetri. L’opera dovrà essere realizzata utilizzando almeno il 50% dal legname in dotazione. Per l’edizione 2020 verranno selezionati 6 artisti per questa sezione. L’Organizzazione si riserva la possibilità di valutare proposte per la realizzazione di opere in formato orizzontale.
Sezione 2: “Colomela Art”:
Allestimento di un’opera/installazione da realizzare con materiale proposto dalla Organizzazione. Durante la tradizionale “Festa della Colomela”, che darà apertura al Simposio, saranno prodotte circa 60 “colomele”. Si tratta delle antiche travi di sostegno delle coltivazioni di vite, realizzate spaccando in 4 “spicchi” un tronco di larice del diametro di circa cm. 30 e della lunghezza di circa cm. 250. Si ricavano in questo modo delle “colomele” della sezione di 1/4 di tronco, non sempre perfettamente lineari, ma dalla caratteristica esclusiva lavorazione a mano. Saranno prodotte, inoltre, un centinaio di “scandole”, tipiche tegole in legno molto utilizzate un tempo per tetti e facciate delle case.
Verrà selezionato un solo artista per questa sezione. L’opera dovrà essere realizzata sfruttando il maggior numero di “colomele” e “scandole” ed eventualmente altro materiale reperito nel bosco, di origine naturale, in apposito spazio nel bosco predisposto dall’Organizzazione.


Per la fase di ideazione/progettazione dell’opera, l’artista è invitato a considerare che l’opera sarà esposta in luogo aperto e pubblico, pertanto questa non potrà presentare parti fragili, mobili, o pericolose per il pubblico. Inoltre l’opera (della sezione 1) sarà esposta, e quindi fissata, su una alzata delle dimensioni di 55x55cm. Dovrà, pertanto, integrarsi (esempio a fianco) in maniera armonica con essa ed avere caratteristiche e dimensioni della parte più bassa idonee all’equilibrio e ad essere fissata a tale struttura.


Solo per gli artisti che provengano da località distanti almeno 50 chilometri dalla sede della manifestazione è prevista l’ospitalità e il pernottamento in strutture ricettive del posto. A tutti gli artisti partecipanti è invece garantita la ristorazione per l’intera durata della manifestazione. Per motivi assicurativi e organizzativi è richiesta la permanenza degli artisti sul luogo della manifestazione per l’intera durata del Simposio.


Tutte le opere rimarranno in loco, di proprietà dell’Organizzazione. Ad ogni artista sarà riconosciuto un compenso di € 800,00 (lorde) a titolo di acquisto dell’opera.
Il compenso non potrà essere erogato in contanti; sarà invece alternativamente possibile il pagamento su presentazione di fattura, compenso per collaborazione, acquisto di opera d’arte. L’assegnazione del compenso sarà corrisposta dall’Organizzazione esclusivamente ad opera
completamente ultimata e se la stessa sarà ritenuta aderente al bozzetto presentato. In caso contrario L’Organizzazione si riserva di non acquistare l’opera, che rimarrà quindi di proprietà dello scultore.




info e bando completo su www.predaiaarteenatura.eu